Android 7.0 Nougat su Samsung Galaxy S7: pregi, difetti e novità

Avrei potuto scrivere questo articolo mesi fa, utilizzando la versione straniera dell’aggiornamento di Android Nougat per Samsung Galaxy S7.. ma ho preferito attendere l’arrivo della versione ufficiale per testarne le diverse funzionalità, i difetti ed i pregi da me riscontrati .


La notifica dell’aggiornamento è stata ricevuta in data 1 Marzo 2017.. sia per i No Brand che per i vari Brand (Vodafone, Tim, Wind..). Nel mio caso, No brand, la notifica è arrivata proprio nelle primissime ore del mattino. A telefono quindi ben carico, avvio il download dell’aggiornamento.. che viene regolarmente scaricato ed installato dal sistema.

Subito dopo l’avvio, le differenze erano già notevoli.. anche se, si sentiva il peso della vecchia versione di sistema. Pochi riescono a comprendere la differenza ma… quando viene effettuato un aggiornamento così grande, rimane sulla memoria del telefono parte del vecchio sistema, e ciò ne causa micro rallentamenti o incompatibilità con servizi e/o applicazioni.

Provvedo quindi a fare un ripristino totale ai dati di fabbrica, basandomi interamente sulla GUIDA pubblicata nelle settimane precedenti.

Una volta riavviato e ri-configurato il telefono, ci si ritrova davanti un interfaccia grafica nettamente più pulita. Per chi utilizza la TouchWiz di Samsung da anni, avrà sicuramente visto tutti i cambiamenti iniziati dai tempi del Samsung Galaxy S2. Adesso siamo a oltre 5 anni distanza da quell’interfaccia, e le differenze sono ormai abissali. Rispetto ad Android 6.0 Marshmellow, comunque, i cambiamenti sono davvero tanti.

Interfaccia generale

Possiamo notare dei lineamenti più delicati sui disegni delle icone. Cambiano, leggermente, i disegni delle principali icone: Messaggi, Telefono, Camera, Galleria.. Anche la visualizzazione delle cartelle è cambiata. Infatti adesso, aprendo una cartella, visualizzeremo una griglia dalla grandezza massima di 3×3. Superate quindi le 9 icone visualizzate, potremo scorrere verso destra per visualizzare una seconda (o terza..) pagina della cartella. Non cambia la possibilità di deciderne il colore di sfondo.

Cambia esteticamente l’AppDrower.. ovvero, la classica pagina delle applicazioni. Nella versione precedente era stato criticato parecchio sin dalla sua presentazioni con Samsung Galaxy S6. Non era possibile effettuare una ricerca o un riordinamento delle applicazioni. Adesso, finalmente, è stata quindi aggiunta la funzione di ricerca (anche vocale), ed è possibile effettuare una modifica o un ordinamento (alfabetico o personalizzato) cliccando sul menù in alto a destra.

 

 

 

 

 

 

 

 

La tendina delle notifiche, rispetto alla grafica a cui ci aveva abituato Samsung in tutti questi anni, è totalmente cambiata. Si adatta, adesso,

alle tendenze di Android Puro (o Stock, per i più tecnici). Grafica nettamente più pulita, e ci permette davvero tanta personalizzazione. Oltre le funzioni a cui eravamo già abituati, adesso è possibile modificare la tendina o cambiarne il layout da 3×3 a 5×3 una volta che la espandiamo. Sono presenti nuove funzioni rapide, di cui parleremo meglio in seguito: Filtro Luce Blu, Modalità Prestazioni, Area Personale. Aggiungo, inoltre, che per chi avesse installato Shazam sul proprio terminale.. verrà aggiunto sulla tendina un pulsante che permetterà di catturare il suono senza dover aprire l’applicazione.

 

 

 

 

 

 

Cambia completamente la composizione delle Impostazioni. Sfondo bianco, grafica minimale e settaggi completamente riordinati in sotto-menù categorizzati. Inizialmente è un po difficile orientarsi, ma anche qui è presente la funzione cerca che funziona davvero bene. Sparisce, però, il pannello rapido che era presente su Marshmellow con le impostazioni da noi preferite (o che utilizzavamo più spesso).

 

 

 

 

 

 

 

 

Viene ripulito il dialer telefonico, che adesso cambia colore durante la chiamata. Restano tutte le funzioni rapide: swipe a destra o sinistra per chiamare o mandare sms. cambia leggermente a livello estetico la Rubrica.. accessibile anche in modo diretto dal dialer. Da entrambi, comunque, è stata aggiunta la barra di ricerca (proprio come sulle impostazioni) per una ricerca rapida (anche vocale). Anche l’interfaccia dell’applicazioni Messaggi viene rivoluzionata. Spariscono le icone dei vostri contatti preferiti in alto, per fare spazio alla possibilità di andare direttamente sul tab Rubrica.. dove vedrete, in alto, i vostri contatti preferiti prima di tutti gli altri.

La tastiera non sembra essere particolarmente cambiata. Forse è stata leggermente definita nei disegni… e forse anche nelle dimensioni. Non capisco ancora cosa sia cambiato in questa, ma qualcosa sicuramente è cambiato.. ho un feedback differente. Adesso è un po più simile a quella di iPhone, e non mi piace molto.

Viene del tutto rinnovata anche l’interfaccia del File Manager. Adesso in bianco, come tutto il resto del sistema.. e con un look più minimale. Non variano le funzioni.

Tutto ciò che vi ho raccontato dell’interfaccia generale è condito da una fluidità davvero incredibile.Le animazioni sono più morbide.. più gommose..probabilmente non è cambiato nulla rispetto a prima, ma queste nuove animazioni fanno si che ci sia l’impressione di maggiore reattività.

Always On Display

Le funzionalità sono rimaste invariate, proprio come la grafica dell’interfaccia e delle impostazioni. Semplicemente, è stata aggiunta la possibilità di visualizzare le notifiche di app di terze parti. E’ anche possibile interagire. Infatti, basta un doppio tab sull’icona di notifica, per aprire immediatamente la notifica. Una semplice funzione che attendevano in tanti, ed è servita a completare questo Always On Display.

Fotocamera

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come potete notare dalle immagini, l’interfaccia è completamente cambiata. Un utilizzatore di iPhone direbbe “Uguale a quella del mio iPhone”. Grafica molto minimale e più semplice da utilizzare.  L’interfaccia principale infatti ci mostra semplicemente i comandi di base. Sulla parte superiore troviamo: flash, HDR, cambio fotocamera ed impostazioni. Sulla parte inferiore, invece, abbiamo: scatto/multi-scatto, registrazione video ed accesso rapido alla galleria. Per quanto riguarda il cambio fotocamera, basta fare anche soltanto un semplice swipe in basso. Se facciamo uno swipe verso destra possiamo selezionare gli effetti con anteprima in tempo reale. Con uno swipe verso sinistra, invece, abbiamo la possibilità di scegliere le diverse modalità di scatto (o di scaricarne altre).

Manutenzione Dispositivo

Questo è un centro di controllo del vostro telefono. Da qui potrete cliccare semplicemente sul tasto “Ottimizza Adesso” per far effettuare all’applicazione tutte quelle operazioni utili ad ottimizzare il telefono. Verranno messe in risparmio energetico tutte quelle applicazioni che consumano troppo. Verranno eliminati i file inutili o spazzatura presente in memoria. Verranno chiusi quei processi/servizi/applicazioni aperti e presenti da troppo tempo in memoria. Verrà inoltre mostrato lo stato di “Modalità Prestazioni”, di cui parleremo in seguito.. e lo stato di Protezione del dispositivo, in cui potrete visualizzare eventuali minacce presenti sul dispositivo e gestire Samsung Knox.

 

 

 

 

 

 

Samsung Cloud

Molti di voi conoscono ormai Samsung Cloud. Un servizio che con gli anni ha iniziato ad espandersi, e che con Android Marshmallow permetteva agli utenti di avere un backup completo del proprio smartphone.. nel caso in cui, dopo un ripristino o un cambio dispositivo, l’utente volesse tornare alle proprie impostazioni e personalizzazioni. Questo servizio, però, fino ad Android Marshmellow aveva un limite. Non era possibile, nel caso in cui volessimo “modificare” il contenuto del cloud, eliminare gli elementi presenti. Le alternative erano due: ripristinare i dati del cloud, nella loro interezza.. o non ripristinare nulla.

Il servizio si sta evolvendo. Infatti adesso è possibile andare a vedere quanto spazio stiamo utilizzando del cloud. E, cliccando sulle singole voci, possiamo andare ad eliminarne i contenuti.

Vi faccio un esempio pratico. Avete tante foto che sono state salvate su Samsung Cloud, o informazioni che non vi servono.. ma ogni volta vi si ripristinano con il backup? Adesso potete rimuovere questi dati. Vi sono, però, ancora alcune limitazioni. Non è possibile, come su Google Drive o Google Foto, andare ad eliminare il singolo file o la singola foto.. dovrete eliminare TUTTE le immagini.

 

 

 

Nuove impostazioni Schermo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Racchiudo tutte le novità sulle impostazioni dello schermo in un unico capitolo

Filtro Luce Blu. Una novità che personalmente è stata davvero gradita. La parola stessa dice a cosa serve. Inserisce un filtro che rende la colorazione del display più calda, per le ore serali con poca luce. Utile per quando abbiamo gli occhi stanchi o per quando abbiamo la batteria scarica (teoricamente dovrebbe consumare un pò meno… praticamente, sembra realmente essere così). Proprio come AlwaysOn Display, è possibile programmare l’attivazione e la disattivazione di questa funzione in determinate ore del giorno, o modificarne l’opacità.

Barra di stato. Oltre a poter visualizzare, o meno, la percentuale della batteria (funzione già presente in precedenza)… adesso è possibile  evitare di avere tantissime icone di notifica sulla barra di stato. Infatti, attivando il flag “Notifica solo notifiche recenti” vedremo soltanto le icone delle ultime tre notifiche, accompagnate da 3 puntini di sospensione.. che ci stanno ad indicare la presenza di altre notifiche visualizzabili aprendo la tendina.

Risoluzione del display. In molti sanno che il Galaxy S7 nasce con una ottima risoluzione in WQHD, quindi definitissimo. In questo ultimo anno però si è discusso molto in merito al fatto che consuma solo batteria, ma per l’utilizzo di tutti i giorni è praticamente inutile. L’azienda quindi ha settato il FullHD come risoluzione predefinita, e sarà possibile modificarla attraverso questo menu presente tra le impostazioni dello schermo.

Altre novità

Una novità interessante, che si ricollega alla versatilità del cambio risoluzione del display, è data dalla “Modalità Prestazioni“. Questa modalità permette di dare un boost al sistema. Setta la massima risoluzione del dispositivo, aumenta la potenza del processore.. per massimizzare la fluidità per il gaming o applicazioni/documenti particolarmente pesanti. Chiaramente questa modalità ridurrà drasticamente il consumo della batteria, ma la utilizzerete davvero poche volte durante il normale uso giornaliero. (Nel mio caso, mai usata fino ad ora).

L’interfaccia “Batteria” è stata completamente cambiata. Inizialmente visualizziamo la percentuale della batteria (in percentuale ed in ore rimanenti), ed il pulsante “Uso Batteria” in cui potrete visualizzare il classico grafico a cui siamo da sempre abituati (graficamente rinnovata). Subito sotto, molto comodamente possiamo selezionare le applicazioni da settare in risparmio energetico. In questo caso il sistema ci suggerisce con una chiara percentuale quali sono le applicazioni che consumano.. basta selezionarle e cliccare su “Risp. Energ.

Il multitasking è una caratteristica di Android 7. Le anteprime delle applicazioni sul multitasking sono visualizzate su schede più allungate. E’ inoltre presente il nuovo Multi-Windows.

Calendario e Calcolatrice non sono cambiate nelle loro funzioni, ma sono state esteticamente riviste in grafica Nougat.

Sulle impostazioni, sotto la voce “Funzioni avanzate” adesso è presente la funzione di “Invia messaggi SOS“. In una situazione di emergenza, basta premere rapidamente per 3 volte il tasto di accensione per inviare un avviso rapido ai contatti da voi selezionati.

Batteria

Sono state molte le discussioni in merito alla durata della batteria dopo l’aggiornamento ad Android Nougat. Ci tengo a precisare che la batteria ha una durata differente in base all’utilizzo che ognuno fa con il proprio dispositivo. Ad ogni modo a mio parere la durata è aumentata almeno del 15% durante il mio normale utilizzo. Giornata che inizia alle 7:00 e termina oltre le 23:30 senza arrivare mai sotto il 15% di batteria. Le ottimizzazioni sembrano funzionare, e penso che sia utile anche il fatto di aver portato la risoluzione standard del display al FullHD.

Difetti

Sono stati riscontrati alcuni bug dai vari utenti. Personalmente ho notato alcuni crash improvvisi di applicazioni installate dal PlayStore. Inoltre, ho avuto problemi ad inviare stampe con la mia Epson connessa alla rete wi-fi di casa.. il servizio di stampa smetteva di funzionare.

A proposito di Wi-Fi.. Inizialmente pensavo fosse una mia impressione, ma poi ho letto essere un problema di diversi utenti. Sembra che la stabilità del wifi non sia più quella di prima. Infatti la rete è diventata un pò “ballerina” ed ogni tanto cade.. per poi riconnettersi subito dopo. Probabilmente è un difetto che correggeranno con la prossima patch.

Non è più possibile rimuovere la visualizzazione dell’AppDrawer per utilizzare una visualizzazione di tutte le app sulla home page, in stile iPhone o Huawei. Questa opzione era presente su Android Marshmallow tra le funzioni avanzate.

Pregi

La reattività del sensore di impronte digitali sembra essere minimamente aumentata. Come anticipato prima, anche la reattività generale del sistema operativo sembra averne risentito decisamente in positivo. Mi ha fatto piacere l’inserimento del filtro luce blu, e per molti sarà gradita la modalità prestazioni.

Conclusione

Sembra che questo aggiornamento abbia portato tante novità e tante migliorie ad un telefono a cui sembrava già non mancare nulla. Nonostante in questo periodo molti attendono l’arrivo del prossimo Galaxy, questo sicuramente non smetterà di essere uno dei migliori smartphone attualmente in commercio… almeno per i prossimi mesi.