Hands On – Huawei P10: prime impressioni sul nuovo top di gamma dell’azienda

Da qualche giorno sono partiti i pre-ordini per il nuovo Huawei P10. Ma, vale davvero la pena sostituirlo al P9? Ecco le mie impressioni dopo un veloce utilizzo.


Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, ve ne farò una piccola sintesi… se volete i dettagli, ne ho discusso durante la presentazione: Huawei P10 – Presentazione Ufficiale

Caratteristiche Tecniche

  • Display: 5.1″ FHD a 432ppi
  • Processore: Kirin 960 octa-core con 4 core da 2.4GHz e 4 core da 1.8GHz
  • Memoria: 4GB di RAM e 64GB di memoria interna (espandibile con microSD fino a 256GB)
  • Fotocamera principale: 20MP bianco e nero + 12MP a colori (in collaborazione con Leica)
  • Fotocamera frontale: 8MP con f/1.9 (in collaborazione con Leica)
  • Sensore di impronte digitali con SmartTouch
  • Batteria: 3200mAh con ricarica SuperCharge
  • Connettività: 4G LTE
  • Android 7 Nougat con EMUI 5.1

Ho usato questo telefono per poco tempo, ma penso sia stato abbastanza per capire le cose più importanti.

Già tutti conosciamo l’interfaccia utilizzata da Huawei nei suoi smartphone.. La EMUI si è evoluta fino alla versione attuale, la 5.1. Altamente personalizzabile, “di serie” non troviamo l’App Drawer… ma tutte le applicazioni sono sulla Home Screen. Di serie, ma questa volta.. se si gira bene tra le impostazioni del dispositivo… è possibile attivare la possibilità di attivare la pagina dedicare esclusivamente alle app per liberare spazio alla HomeScreen.

Il display è un FullHD, bello da vedere.. ma, sinceramente, ad occhio nudo non si vede nulla di differente rispetto al Huawei P9  ed a tanti smartphone che costano anche meno. Ottima luminosità, bei colori.. ma non c’è quell’effetto WOW che si cerca negli smartphone di nuova generazione.

Parliamo del processore. Il telefono non presenta impuntamenti. Rapido, reattivo, fluido.. ma al giorno d’oggi è sempre più comune vedere processori performanti. A mio parere, siamo arrivati al punto in cui le prestazioni sono al limite nel mondo degli smartphone. Stesso ragionamento per il quantitativo di RAM4GB sono più che necessari, e permettono allo smartphone di lasciare tutte le app in background e di ritrovarle proprio dove le si sono lasciate. Tutta questa memoria interna permette, a chi utilizza molto il cloud, di non utilizzare microSD. Per chi, invece, utilizza tanto il telefono vi è comunque la possibilità di inserire una MicroSD.. che può essere addirittura da 256GB.

Per quanto riguarda il reparto fotocamera.. già l’anno scorso Huawei ci ha fatto notare quanto i suoi smartphone siano un passo avanti per le fotografie. Con il Huawei P9, però, non era ancora stata ottimizzata al massimo la collaborazione con Leica.. e le foto non erano ancora paragonabili a quelle di Samsung Galaxy S7 che ha una delle fotocamere migliori in circolazione. Quella di questo Huawei P10, invece, mi ha stupito. Non tanto sulle foto “punta e scatta” (belle, davvero.. e forse addirittura meglio di quelle di S7). Ma, ciò che mi ha davvero impressionato sono le Macro di altissima qualità. Da questo punto di vista, davvero promosso! Interessante anche il fatto che le due camere posteriori siano a filo con la scocca.. nessuno scalino fastidioso!

Lato batteria, purtroppo non ho potuto notare dettagli.. ma, probabilmente c’è ancora bisogno di ottimizzazioni lato software. In rete, infatti, ho sentito dire che arriva a fine giornata con un po’ di fatica… ovviamente ciò dipende dall’utilizzo che ne si fa. Ma, ovviamente, per quanto costa e per un utilizzo “normale”.. sicuramente non vi abbandona. Inoltre, ci sono anche i vari settaggi di risparmio energetico. Non manca, come su molti smartphone ormai, la possibilità di ricaricare rapidamente la batteria.

Cosa mi piace davvero tanto, allora, di questo Huawei P10 oltre la fotocamera?

Dimensioni. Davvero molto semplice utilizzarlo con una sola mano.. e si riesce ad arrivare ovunque con il pollice.

Materiali. Sicuramente premium. Sul retro è praticamente uguale ad iPhone7.. e come quest’ultimo… un po’ scivoloso purtroppo. Ma è un prezzo da pagare per questi materiali pregiati. Un neo però c’è… il vetro frontale, sul display… trattiene davvero tanto le impronte. Infatti, all’acquisto vi consiglio di non rimuovere la pellicola che trovate applicata.. davvero ottima e trattiene poco le ditate.

Huawei, infine, ha ascoltato la mia richiesta (che in realtà penso sia stata quella di molti).  Il sensore dell’impronta digitale sulla parte frontale dello smartphone. Non è un tasto home fisico, ma è incassato sulla scocca e funziona davvero bene. Con degli swipe all’interno del falso pulsante si torna indietro o si accede al multi tasking. E’ sempre possibile attivare la navigation bar a schermo dal menu delle applicazioni… io, personalmente, mi sono però subito abituato alle gesture e le ho reputate davvero smart e comode.. e rimuovendo la navigation bar dal display, si guadagna pure spazio.

Io personalmente ho gradito tanto la colorazione Nero opaco… mentre, un pubblico femminile preferirebbe sicuramente il bianco perla (davvero simile, ma non del tutto, al White Pearl di S7).

 

Ma parliamo della nota dolente. Il prezzo. Infatti Huawei P10 verrà venduto ad un prezzo di circa 679 euro, un prezzo più alto del Huawei P9… ma, questo prezzo è giustificato? A mio parere, no. Il display non è niente di eccezionale, e davvero poco oleofobico. Interessante la fotocamera.. ma solo questa non va a giustificare il prezzo. Attenzione, non sto dicendo che non è uno smartphone valido. E’ certamente migliore del P9, ed un telefono davvero al top su tutto… Ma, questa aumento di prezzo rispetto al P9 non è ben giustificato. Lo comprerei, ma almeno a 100 euro in meno.